Prendiamoci cura della Terra

Le piante che non ti aspetti

Dedichiamo questa serie di consigli a quattro libri di un autore ormai popolare non solo tra chi si occupa di tematiche scientifiche, ma anche tra chi lo apprezza per la sua scrittura gradevole e accattivante.

Oltre ad essere un eccellente divulgatore, Stefano Mancuso, è professore ordinario di Arboricoltura generale e coltivazioni arboree presso l’Università di Firenze e direttore dell’International Laboratory of Plant Neurobiology (LINV). È uno dei mebri fondatori dell’International Society for Plant Signaling & Behavior e membro dell’Accademia dei Georgofili.

Abbiamo scelto questi volumi della sua vasta produzione perché, a nostro parere, sono quelli più significativi per seguire questo scienziato in un percorso che troveremo sorprendente. Ci farà comprendere come il nostro essere animali rischia di imprigionarci in un mondo fatto solo a nostra immagine e somiglianza e come l’imparare a guardarci intorno con nuovi occhi possa aiutarci a capire, finalmente, il nostro Pianeta.

Editore: Giunti | Anno edizione: 2015
Pagine: 144 p., ill. Brossura| EAN: 9788809811096

Le piante sono esseri intelligenti? Sono in grado di comunicare tra loro, di risolvere problemi? O sono inerti e insensibili, immobili arredi del nostro mondo? Già Charles Darwin ne Il potere del movimento delle piante e ne I movimenti e le abitudini delle piante rampicanti, osservando minutamente i movimenti che le piante e le loro componenti erano in grado di compiere, si poneva molte domande e ipotizzava risposte. Stefano Mancuso e Alessandra Viola, muovendo da questi interrogativi e da questi presupposti, dimostrano che le piante non sono affatto organismi “inferiori”. Anzi, come gli altri esseri viventi, hanno una “personalità”, contano su apparati sensoriali analoghi ai nostri sensi, si scambiano informazioni e interagiscono con gli altri elementi degli ecosistemi di cui fanno parte, adottano strategie per la sopravvivenza, si “organizzano” una vita sociale, sfruttano al meglio le risorse energetiche. Sono capaci di scegliere, imparare e ricordare, sentire la gravità.

Intelligenza, apprendimento, memoria e comunicazione non sono prerogative del mondo animale: Verde brillante spiega perché sono qualità che le piante condividono con noi. Indispensabili alla sopravvivenza dell’uomo, la componente vegetale del Pianeta sarà sempre più importante per il futuro sviluppo scientifico e tecnologico.

Illustratore: G. Fisher | Editore: Laterza
Anno edizione: 2018 | Pagine: 144 p., ill. , Rilegato
EAN: 9788858133323

Fin dall’infanzia abbiamo creduto che la prima differenza fra un animale e una pianta consistesse nella capacità di movimento: gli animali possono, le piante no. Eppure, nonostante la maggior parte di esse siano ancorate per mezzo delle radici, per conquistare il Pianeta si spostano per cercare nuovi territori da colonizzare, si muovono per procurarsi nutrimento, per difendersi, per riprodursi.

Attraverso il racconto di storie straordinarie, Stefano Mancuso ci accompagna nel viaggio impercettibile, intelligente che le piante compiono per conquistare il mondo. Per viaggiare si affidano all’aria, all’acqua, agli animali, utilizzando mille stratagemmi. Così esse sono la maggior parte di tutto ciò che è vivo sulla Terra, gli animali sono solo una minoranza risicata e gli uomini delle entità quantitativamente irrilevanti.

Editore: Laterza|Anno edizione: 2019
Pagine: 139 p., Rilegato | EAN: 9788858135815

Per presentare questo terzo volume ci affidiamo alle parole dell’Autore: «In nome della mia ormai pluridecennale consuetudine con le piante, ho immaginato che queste care compagne di viaggio, come genitori premurosi, dopo averci reso possibile vivere, vengano a soccorrerci osservando la nostra incapacità a garantirci la sopravvivenza. Come? Suggerendoci una vera e propria costituzione su cui costruire il nostro futuro di esseri rispettosi della Terra e degli altri esseri viventi. Sono otto gli articoli della costituzione della Nazione delle Piante, come otto sono i fondamentali pilastri su cui si regge la vita delle piante, e dunque la vita degli esseri viventi tutti

Editore: Laterza|Anno edizione: 2020
Pagine: 200 p., ill. , Brossura | EAN: 9788858140680

Anche in questo caso ci sembra giusto lasciare la parola allo stesso Mancuso, che spiega la genesi dell’idea che ha dato vita a questo splendido volume, che contiene anche delle tavole disegnate dallo stesso Autore.

Un giorno al compositore inglese Sir Edward Elgar venne chiesto da dove provenisse la sua musica. La risposta fu: «La mia idea è che ci sia musica nell’aria, musica dappertutto intorno a noi, il mondo ne è pieno e ne puoi prendere ogni volta tutta quella di cui hai bisogno». Lo stesso accade per le piante che, come la musica per Elgar, sono letteralmente dappertutto e per scriverne non si deve far altro che ascoltare le loro storie e raccontarle. Tutte quelle di cui abbiamo bisogno. È così che è nato questo libro, scrivendo storie di piante che intrecciandosi agli avvenimenti umani si legano le une alle altre nella narrazione della vita sulla Terra. Perché le piante costituiscono la nervatura, la mappa (o pianta) sulla base della quale è costruito l’intero mondo in cui viviamo. Non vederla, o ancora peggio ignorarla, credendo di essere al di sopra della natura, è uno dei pericoli più gravi per la sopravvivenza della nostra specie.”

Crediti

Autore: Anna Lacci è divulgatrice scientifica ed esperta di educazione all’ambiente e alla sostenibilità e di didattica del territorio. E’ autrice di documentari e volumi naturalistici, di quaderni e sussidi di didattica interdisciplinare, di materiali divulgativi multimediali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *